Cartelle Equitalia: quando sono nulle?

Quando le cartelle Equitalia sono nulle? 

Cartelle_Equitalia_Nulle

Spesso l’arrivo di una cartella esattoriale rappresenta per l’ignaro cittadino un fulmine a ciel sereno

Così, preso alla sprovvista, rischia di essere travolto dalla confusione e dal panico, che gli impediscono di agire tempestivamente per far valere i suoi diritti

Eppure, in molti casi la comunicazione da parte di Equitalia può risultare nulla, e per le più svariate ragioni.

Leggi anche

“Cartelle pazze”: cosa fare per difendersi da Equitalia

Le cartelle  devono essere chiare e complete

Il motivo cui questa fa riferimento deve essere indicato correttamente

A ribadirlo è stata recentemente la Corte di Cassazione di Lecce, che ha  accolto la sentenza della Commissione Regionale Tributaria

Questa aveva infatti dichiarato la nullità delle cartelle esattoriali ricevute da un contribuente difeso dall’avvocato Maurizio Villani

Giovanni D’Agata (Sportello dei Diritti) ha dichiarato che questo pronunciamento è importante, in quanto potrà costituire il precedente che consentirà ad altri di impugnare le comunicazioni di Equitalia prive di sufficienti informazioni o comunque di complessa consultazione.

 

La notifica tramite corriere è illegittima 

Notifica_Tramite_Corriere_Illegittima

La cartella esattoriale è nulla anche se viene notificata attraverso un servizio di posta privata. Questo principio è stato indicato più volte sia dai Tribunali di Primo e Secondo Grado che dalla Cassazione

Infatti, l’unico soggetto che può recapitare questo genere di comunicazioni è l’agente postale, in quanto pubblico ufficiale.

Cosa fare, quindi, se la cartella esattoriale è stata consegnata da un corriere di TNT, ad esempio? Tanto per cominciare, spiega La Legge Per Tutti, non bisogna contestarla, in quanto ciò equivarrebbe ad ammettere di averla ricevuta

Quindi, è preferibile non fare nulla, e aspettare che sia Equitalia a farsi nuovamente viva. Infatti, alla notifica di una sua comunicazione segue sempre l’esecuzione forzata di un provvedimento cautelare (fermo auto, iscrizione di ipoteca). 

Il relativo atto di preavviso può invece essere tranquillamente impugnato dal cittadino, dichiarando di non essere stato preventivamente informato attraverso il canale canonico. 

A questo punto spetta quindi a Equitalia provare che il recapito è avvenuto in modo corretto, e per farlo non può semplicemente ricorrere a fotocopie o estratti di ruolo, ma è tenuta, al contrario, a depositare l’originale della ricevuta a.r. spedita da Poste Italiane e la copia della cartella esattoriale.

Per una consulenza economice e fiscale clicca qui Altroconsumo

Leggi anche

 

Da redazione 

 


 
 

 

✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy