Crediti verso la PA, compensazione cartelle Equitalia anche nel 2015

Come usufruire della compensazione Compensazione

La compensazione tra cartelle Equitalia e crediti verso la Pubblica Amministrazione è stata prorogata al 2015. Inizialmente infatti era prevista solo per il 2014.

Ma come fare a usufruire della compensazione? E’ necessario che i crediti siano documentati e che l’importo iscritto a ruolo sia minore o uguale a questi.

Leggi anche

Truffati dalla banca e costretti al pignoramento dei beni

In presenza di questi requisiti, i crediti si possono compensare seguendo la procedura fissata dai decreti ministeriali del 2012. Chi vanta un credito, esibisce la relativa documentazione all’agente di riscossione competente. 

La Pubblica Amministrazione è tenuta a versargli l’importo certificato entro 60 giorni dal termine fissato. In caso contrario, l’agente può effettuare nei suoi confronti una riscossione coattiva.

«Vincono ancora una volta la concretezza, il pragmatismo e le buone idee del M5S che in Parlamento porta le istanze dei professionisti e delle Pmi che tengono in piedi il Paese». Così il Movimento Cinque Stelle ha commentato la notizia

Leggi anche

Evasione fiscale, Governo propone depenalizzazione reato sotto 200mila euro

Da redazione 

 


 
 

?  FAQ
>  Chi Siamo
#  Informativa Privacy