Iscrizione in Centrale Rischi: intermediari tenuti a risarcimento in caso di errore

 

Segnalazione_CRIFIscrizione Centrale Rischi risarcimento in caso di errore

La segnalazione in Centrale Rischi non è qualcosa da prendere alla leggera. Lo sanno bene i consumatori, finora in balia della volontà (o dei capricci?) degli operatori del credito, che spesso hanno proceduto all’iscrizione – legittima o meno – senza pensarci su due volte. 

La buona notizia è che approda in questi giorni in Parlamento il Disegno di Legge n. 2136, che mira a disciplinare più rigorosamente il delicato settore.

«Prima di procedere con una segnalazione erronea alla Centrale Rischi, con tutte le conseguenze del caso, le banche saranno più attente e prudenti, se il Disegno di Legge sarà approvato». Così l'avvocato Stefano Cherti, consulente dell'Unione Nazionale Consumatori.
 
Leggi anche
 
Il provvedimento allo studio, infatti, sancisce la punibilità dell’’intermediario nel caso di impropria iscrizione. A pronunciarsi in merito dovrà essere il Giudice Ordinario, chiamato a fissare l’importo esatto del risarcimento, commisurato al credito che lo ha originato. 
 
Se il Disegno di Legge sarà approvato, i consumatori non avranno più lo spauracchio delle segnalazionia incaglio” , che scatta in caso di ritardo per oggettiva difficoltà economica momentanea, e “a sofferenza”, correlata all’insolvenza
 
Leggi anche

 

Da redazione 



 
✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy