La truffa dei cassonetti gialli. Mafia Capitale 2.0

Mafia Capitale rischia di diventare una storia infinita.

201mila € di multa per 2 cooperative Sol.Co. e Bastiani coop per aver truffato i cittadini di Roma. La multa è ridicola in confronto all'inganno procurato oltre al fastidio di un tale livello di infamia.

Ebbene si, i famosi cassonetti gialli degli abiti usati, dislocati in tutte le vie principali di Roma, venivano gestiti dall'AMA e da queste 2 cooperative. Gestiti nel senso che prendevano i vestiti migliori e se li rivendevano!

La cosa sconcertante è che il presidente della cooperativa, Mario Monge, arrestato nell'indagine di Mafia Capitale,  nonostante ciò,  tramite la sua cooperativa continuava a gestire il servizio di raccolta abiti usati nel comune di Roma ed aveva avuto in dono anche un abitazione confiscata alla Magliana. 

"Dalla Banda al Mafioso"

L'AMA, che l'azienda municipale dell'ambiente, avrebbe dovuto controllare su queste 2 cooperative, ma evidentemente era complice e per questo è stata multata per altri 100mila €.

La rabbia dei cittadini è andata oltre il limite che, pensando di fare un'opera buona regalando abiti ai più bisognosi, si sono visti "fregare" da questi delinquenti autorizzati dal comune di Roma.

Gianni Tizian de L'espresso aveva già denunciato il caso.
Guarda il video 

 

 

 

✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy