Legge sul sovraindebitamento, ecco perché può salvare la vita

EsdebitazionePagare i debiti in proporzione alla propria situazione economica

Tecnicamente si chiama esdebitazione, ed è stata introdotta con la legge sul fallimento del consumatore, poco conosciuta fino a qualche tempo fa, e quindi ancor meno utilizzata. 

Oggi però, grazie a una sentenza del Tribunale di Busto Arsizio torna d’attualità, insieme ad alcune, importanti, precisazioni e novità, che, da qui in avanti, possono davvero fare la differenza nella vita di molte persone.

Leggi anche

«Pagare in base alle proprie possibilità». Ridotta dell’87% cartella esattoriale

Ristrutturazione del debito: chi e come può richiederla?

La legge si rivolge ai debitori non soggetti a fallimento, ovvero

  • privati
  • piccoli e medi imprenditori
  • artigiani

Questi hanno la possibilità di presentare in tribunale un piano di liquidazione dei creditori, il cui pagamento, in percentuale, viene gestito da apposite figure specializzate in materia  (avvocati, commercialisti).

Leggi anche

Pensioni, sotto quale soglia il creditore non può rivalersi?

Cosa cambia grazie alla sentenza del Tribunale di Busto Arsizio?

Ristrutturazione_DebitoLa recente decisione del giudice lombardo ha specificato che si può ottenere la ristrutturazione del debito anche se il creditore è uno, e, nello specifico, Equitalia

Perciò, chi si è visto notificare da questa una o più cartelle esattoriali, può chiedere di ridiscuterle, attraverso un piano di rientro finalizzato al saldo e stralcio che, se approvato dal Tribunale, è valido anche davanti all’Agenzia di riscossione. 

Dunque, Equitalia deve accettare l’eventuale ristrutturazione debitoria, che, d’altra parte, vincola il consumatore al rispetto di quanto messo per iscritto (tempistiche e modalità di liquidazione, garanzie di adempimento).

Leggi anche

Immobili, ecco i casi in cui Equitalia non può chiedere l’esproprio

Da redazione 
 


 
 
✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy