«Lo Stato fa differenza tra i lavoratori. Il cancro no»

«La prima cosa che ho pensato non è stata solo 'oddio, ho il tumore', ma soprattutto: 'come farò a sopravvivere materialmente? Il primo shock, infatti, è stato vedere che i miei appuntamenti di lavoro cominciavano a saltare, il secondo scoprire che, nonostante oltre 75.000 euro di contributi versati, non avevo diritto a nulla, Aspi, ammortizzatori sociali. Ad oggi ho avuto circa un migliaio di euro come indennità di malattia, 13 euro al giorno per 61 giorni, ma nessun altro sostegno economico». A parlare è Daniela Fregosi, esperta di formazione e consulenza aziendale. Dopo aver scoperto di essersi ammalata nel 2013, la donna ha intrapreso una battaglia, sostenuta da Acta, per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori autonomi.

 
 
 
 Seguici su