Pensioni, sotto quale soglia il creditore non può rivalersi?

Impignorabilita_PensionePensionati debiti da sanare con Banche o Equitalia 

Tra le categorie più esposte all’impoverimento prodotto dalla crisi economica, ci sono i pensionati, costretti spesso a sopravvivere, più che vivere, a causa di pensioni ridotte all’osso, e spese (anche sanitarie) in continuo aumento

Insomma, una condizione già di per sé precaria, che rischia di aggravarsi ulteriormente, quando si aggiungono anche debiti da sanare, nei confronti delle banche o di Equitalia.

Leggi anche

 

Qual è la cifra minima sotto cui la pensione non può essere toccata?

La Costituzione riconosce ai pensionati il diritto a  mezzi di sostentamento adeguati alle loro esigenze

D’altra parte, questo non ha implicato l’impignorabilità assoluta della pensione, come ha spiegato la Corte Costituzionale, ma solo quella della soglia minima al di sotto della quale è compromessa un’esistenza decorosa e il soddisfacimento dei bisogni primari

Tuttavia, definire a quanto corrisponda detta soglia è a discrezione del legislatore. Nel frattempo, è stato il giudice a determinarla concretamente, fissandola a 525,89 euro, che corrispondono all’ammontare della pensione minima: al di sotto di questa cifra, i creditori non possono rivalersi

Se invece la cifra è superiore, si può procedere con il pignoramento, per un massimo di un quinto della parte eccedente i 525 euro, in caso di debiti non esattoriali. 

Se il debito è invece di natura esattoriale, la quota pignorabile è di un decimo per pensioni fino a 2.500 euro, di un settimo tra 2.501,00 e 5.000, e di un quinto se l'importo supera i 5.000 euro.

Leggi anche

 
 
Da redazione

 



 
✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy