Pignoramenti, cosa cambia e cosa c‘è da sapere

Cosa c'è da sapere sui pignoramenti Pigoramento

Novità in vista per quanto riguarda procedure e contenuto dell’atto di pignoramento, come rilevato dal consulente aziendale Paolo Baita in un’interessante analisi.

Leggi anche

 

A cambiare è, ad esempio, l’udienza relativa all’assegnazione delle somme pignorate, qualora si tratti di pignoramento presso terzi (stipendi, pensioni e conti correnti). 

In tal caso, il soggetto presso cui è disponibile il credito deve dichiarare, attraverso apposita comunicazione scritta, che detti importi esistono

La lettera, indirizzata al legale del creditore pignorante, deve indicare espressamente:

-          se è in essere un rapporto di lavoro con il pignorato

-          l’importo della busta paga

-          l’ammontare della relativa trattenuta

Per risalire al datore di lavoro del pignorato è sufficiente richiedere on line il rintraccio posto di lavoro e reddito. Se l’indagine dà esito negativo, si procede con un censimento bancario personale, in modo da rilevare l’esistenza di eventuali conti correnti.

Il secondo aspetto che viene modificato è quello inerente il contenuto dell’atto di pignoramento. Da qui in avanti, quindi, se il terzo pignorato non comunicherà per iscritto al creditore importi e beni di cui è debitore, dovrà comparire davanti al giudice, per evitare che il credito pignorato presso di lui sia non contestato. 

Iscriviti gratuitamente e saremo lieti di offrirti consulenza e protezione. Clicca qui

 

Leggi anche

Illeciti bancari, «fai valere i tuoi diritti e lotta. E’ la miglior risposta contro la paura»

Da redazione

 


 
 
✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy