Popolari, Veneto Banca sotto osservazione per credito troppo “spensierato”

Un bollettino di guerra, con morti e feriti. Questo sembrano le recenti cronache economiche. Il mercato del credito non trova pace, e con lui neanche i consumatori. Nei giorni scorsi è toccato a Veneto Banca, le cui sedi sono state ispezionate dalla Guardia di Finanza. Per l’istituto di Montebelluna si tratta però solo dell’ultimo episodio in ordine di tempo. 
Veneto Banca è infatti sotto osservazione per una serie di attività. Tra queste, la concessione di credito senza preventivi e adeguati accertamenti, e, contestualmente, il finanziamento dei suoi stessi azionisti. 
 
I vertici avevano ufficializzato i conti preliminari del 2014 quindici giorni fa. In quell’occasione si era parlato di un rosso di 650 milioni di euro, causato da svalutazione degli attivi e rettifiche. Necessario insomma far chiarezza, anche perché il costo delle azioni, nel caso delle popolari, viene stabilito dall’istituto attraverso una perizia di parte. 
 
Gli inquirenti devono quindi verificare che i bilanci non siano stati “ritoccati”. In questo caso infatti, le informazioni fornite all’Authority sarebbero state falsate. Così, ne avrebbero risentito anche le svariate operazioni svolte negli ultimi anni.
 
 

 

Commenta la notizia

Nessun commento trovato.

Nuovo commento

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy