Potenza, imprenditore fa sciopero della fame per protestare contro tassi illegittimi

I cittadini sono stremati, costretti tra l’incudine e il martello. Da una parte un sistema creditizio che minaccia di strangolarli con una corda chiamata usura bancaria, e dall’altra  la voglia (e il bisogno) di tenere in piedi le proprie attività, il più delle volte costruite in anni di fatiche e rinunce. Così, a volte l’unica “arma” che resta loro da usare, per bucare il muro d’indifferenza, è lo sciopero della fame.

L’ultimo in ordine di tempo a farlo è stato ieri Michele Satriani, imprenditore lucano cinquantenne che ha deciso di smettere di mangiare nella speranza di attirare l’attenzione del Palazzo di Giustizia di Potenza. L’intento dell’uomo è sollecitare le istituzioni, a occuparsi organicamente di fenomeni quali l’usura bancaria, l’anatocismo e l’indebitamento, controllando l’operato delle banche e perseguendole laddove necessario.

L’odissea di Michele Satriani inizia circa 20 anni fa, quando avvia la Socitel,azienda operante nel settore delle telecomunicazioni che in passato è riuscita a costruirsi una posizione di tutto rispetto in questa fetta di mercato. Nel 1996 l’imprenditore presenta una domanda di mutuo, e undici anni dopo è costretto al fallimento a causa  di interessi illegittimi.

Michele Satriani ha intrapreso lo sciopero della fame per ottenere il controllo dei tassi applicati a suo tempo in quanto, sottolinea l’uomo, a volte gli istituti di credito  approfittano volutamente del labile confine tra tasso soglia e vera e propria usura. E per questo già alcuni mesi fa l’imprenditore aveva stilato un dossier, diramato alle autorità locali e nazionali, ma evidentemente, di fatto, caduto nel vuoto.

 

 

“Borgo pulito”, la storia infinita di un processo per usura

Crediti verso la PA, compensazione cartelle Equitalia anche nel 2015

Azienda salentina vittima di anatocismo ottiene risarcimento

Seguici su

   

Commenta la notizia

Nessun commento trovato.

Nuovo commento

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy