Sussidio di disoccupazione, tutto quello che c’è da sapere sulla Naspi

È entrata in vigore lo scorso 1 maggio (circolare Inps 94/2015  Inps) la Naspi, l’indennità di disoccupazione universale che sostituisce l’assegno introdotto dalla Riforma Fornero. A beneficiarne, lavoratori dipendenti, apprendisti, soci di cooperativa e personale artistico  che ha un contratto di lavoro subordinato. I requisiti richiesti sono:
 
  • perdita involontaria del lavoro
  • stato di disoccupazione ai sensi dell’articolo 1, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181 e successive modificazioni
  • un minimo di tredici settimane di contribuzione contro la disoccupazione maturate nei quattro anni precedenti e trenta giornate lavorative effettuate nell’anno precedente la perdita del lavoro.
La Naspi viene erogata mensilmente per un periodo equivalente a metà delle settimane contributive maturate negli ultimi quattro anni. La domanda va inoltrata per via telematica all’INPS entro 68 giorni dalla conclusione del rapporto di lavoro. 
 
L’indennità si interrompe in caso di perdita dello stato di disoccupazione, inizio di un’attività lavorativa subordinata o autonoma, raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato, acquisizione del diritto all’assegno ordinario di invalidità.
 

 

Commenta la notizia

Nessun commento trovato.

Nuovo commento

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy