Quando il recupero crediti è ai limiti della legalità

recupero creditiUna persecuzione: è questo che può diventare il recupero crediti, per chi lo subisce. 

Tuttavia per la gran parte si tratta di pratiche illegittime, a cominciare dalla “pioggia” di telefonate, sms e messaggi pubblicati sui social network, per non parlare degli appostamenti sotto casa. 

Tutto questo però ha un nome: si chiama stalking.

Come tutelarsi allora? 

Tanto per cominciare inoltrando al Questore una richiesta di ammonimento della società di recupero crediti, diffidandola dal portare avanti gli atti lesivi dell’integrità morale e psico-fisica del debitore stesso

stalking

Inoltre, è del tutto illecito comunicare a persone che non siano i diretti interessati informazioni relative a mancati pagamenti. 

Per questo è illecito affiggere avvisi di mora presso l’abitazione, come pure utilizzare telefonate pre-registrate e inviare plichi che recano all’esterno formule come “recupero crediti”.

I funzionari che si occupano del recupero crediti poi non possono utilizzare altri dati, a eccezione di quelli necessari per eseguire il mandato (dati anagrafici, codice fiscale, ammontare del credito, recapiti telefonici). 

Infine, dopo che la somma è stata riscossa, le informazioni devono essere rimosse. 

Clicca qui per segnalarci il tuo caso »

 

 


 
 

?  FAQ
>  Chi Siamo
#  Informativa Privacy