Le polizze assicurative erano occulte e inutili. Tribunale dice no a vendita dell’immobile

Vi ricordate i terribili pasti in albergo durante le gite scolastiche?

Talvolta lo staff della cucina ricorreva al trucco della pasta al sugo per smaltire le più svariate rimanenze di cibo. La data di scadenza finiva così per essere un dettaglio trascurabile, e chi, ingenuamente, trangugiava quello che gli veniva messo nel piatto, rischiava vere e proprie maratone in bagno.

I mutui rappresentano spesso qualcosa di simile a quei famigerati intrugli, e, se gli ignari clienti non realizzano in tempo di essere finiti in trappola, pagano conseguenze ben più gravi della semplice intossicazione alimentare.

Leggi anche

“Tassi d’interesse al 2000%”. Ma per la banca l’usura è tutta da dimostrare

Maggiori informazioni https://www.usuraonline.com/notizie/

Mutuo con “sorpresa”

Polizza_assicurativa_occultaNel caso specifico, l’affilata tagliola è costituita dalle polizze assicurative che, suo malgrado, il cliente della banca viene costretto a sottoscrivere per ottenere il finanziamento.

Fortunatamente però, laddove i tribunali verifichino lo scorretto comportamento dell’istituto, il mutuatario può vedere tutelati i propri diritti. È successo nei giorni scorsi a Lecce, dove il giudice della Sezione Commerciale ha bloccato la vendita giudiziaria dell’immobile di residenza acquistato da una coppia.

Leggi anche

Pignoramenti: quando sei costretto a vendere all’asta la tua casa per un decimo del suo valore

“Finchè paghi nessun problema. Alla prima difficoltà, però, perdi tutto”

Circa dieci anni fa i due avevano chiesto e ottenuto un finanziamento di 150mila euro per l’acquisto della prima casa da una delle principali banche italiane. Fino al 2015 le scadenze di pagamento sono state rispettate, ma la situazione è precipitata dopo che il marito ha perso il lavoro.

Saldare le rate è diventata un’impresa, e l’istituto di credito ha proceduto al pignoramento dell’immobile. Dal canto suo la coppia ha contattato Adusbef (Associazione Difesa Utenti Servizi Bancari e Finanziari) e ricevuto assistenza legale da Massimo Todisco.

A seguito di controlli, l’organizzazione ha constatato che alla coppia erano state imposte, a sua insaputa, due polizze assicurative dall’importo complessivo di circa 9mila euro. Una cifra, questa, che di fatto era stata decurtata dalla somma inizialmente accordata.

Leggi anche

Come una polizza assicurativa occulta può rendere i tassi usurari

Incredibile ma vero: ricevi 140mila euro, ma devi restituirne 150mila

I tassi d’interessi applicati, peraltro, si erano rivelati più alti di quelli pattuiti.

Come se non bastasse, la polizza più “pesante” era stata, sostanzialmente, inutile, in quanto connessa all’eventualità di perdere il posto di lavoro a tempo indeterminato in qualità di dipendente. Il mutuatario, invece, era un rappresentante inquadrato come libero professionista.

L’oculatezza del giudice del tribunale di Lecce ha reso quindi possibile scongiurare l’asta giudiziaria, e le sue disastrose conseguenze. 

La redazione

 


 

 

CONTACT