Prelievi dal conto corrente: in arrivo regole più strette e multe?

Attenzione al Decreto Fiscale (n.193/2016)  in fase di approvazione. 

Prelievi_conto_correnteC’è infatti un articolo, il 7 quater, che fissa rigidi limiti al prelievo di contante tramite bancomat o da conto corrente
 
Parliamo di 1.000 euro su base giornaliera e 5.000 su base mensile
 
Eventuali eccedenze a queste soglie possono comportare un accertamento del fisco e una multa. A oggi il tetto massimo per pagamenti con contante è di 3.000 euro
 

L’inversione dell’onere della prova

Perciò, se l’articolo in discussione dovesse essere approvato, toccherà al correntista dimostrare di aver utilizzato la somma eccedente il tetto prefissato per scopi leciti
 
Dunque, meglio conservare fatture e ricevute così da dimostrare l’avvenuto utilizzo per fini legali del contante, ovvero, «la coerenza con il tenore di vita rapportato al volume d’affari dichiarato». Contestualmente, si consiglia di prestare particolare cura nella compilazione delle causali di eventuali bonifici
 

Il presupposto su cui si fonda la norma

Detto principio si basa sull’assunto che il superamento di detti limiti equivalga a effettuare passaggi di denaro in nero, generando un reddito imponibile potenzialmente occulto

I “sorvegliati speciali” sono gli imprenditori – sebbene in passato anche i lavoratori dipendenti non siano stati “risparmiati” – mentre i professionisti, grazie a una sentenza della Corte Costituzionale, godono di una disciplina particolare, che li vede indenni a dette soglie.

Da redazione

 


 
 

 

CONTACT