Arrestata commercialista toscana: intascava soldi per risolvere problemi fiscali, e invece…

Si fa presto a dire conciliazione

Guardia-Finanza-ViareggioQuando si tratta di Fisco, però, non deve bastare la parola professionista per scegliere le mani a cui affidare il proprio destino. L’ignaro contribuente, infatti, potrebbe avere davanti un veterano sì…ma della falsificazione di atti pubblici.

L’ultimo episodio in merito è emerso nei giorni scorsi a Prato, dove la Finanza ha arrestato una commercialista: l’accusa è truffa pluriaggravata e falso. Le vittime si erano rivolte alla donna per due ricorsi relativi ad altrettante commissioni tributarie provinciali, allo scopo di definire la pendenza notificata tramite cartelle esattoriali.

La sedicente professionista ha modificato il testo delle pronunce emesse dalle commissioni allo scopo di farsi consegnare dalle due clienti, un’imprenditrice ed una commerciante, più di 70mila euro.

Le donne, però, si sono rivolte alle CTP per verificare la fondatezza della richiesta e, dopo aver scoperto la verità, hanno presentato denuncia alla Procura della Repubblica del capoluogo toscano.

La Guardia di Finanza ha colto la donna in flagrante, mentre si faceva consegnare – nuovamente – alcune migliaia di euro.

Leggi anche

Assisi: fidarsi del commercialista è bene…tenerlo d’occhio è meglio

La redazione




 


CONTACT