Notizie

Bollo auto: le ultime novità sui pagamenti in scadenza

Tasse & Covid19, la storia infinita

Proroga-bolloGiorno dopo giorno si arricchisce di un capitolo in più la saga che dovrebbe dipanare l’esito dei pagamenti da parte dei contribuenti sospesi nell’ultimo anno.

L’ultima novità, in ordine di tempo, è rappresentata dal fatto che il Governo Draghi sarebbe alle prese con una riforma di ampio respiro che, tra le altre cose, dovrebbe riguardare anche l’IRPEF sui contratti di lavoro, ed il bollo auto.

Ti potrebbe interessare

Debiti: quali atti sono già in ripartenza?

Intanto, si sa per certo che alcune regioni (leggi qui e qui) hanno previsto l’ulteriore differimento dei versamenti del bollo in scadenza in questi mesi; altre, tra cui Basilicata e Puglia, sarebbero in procinto di formalizzare un’analoga decisione. Per quanto riguarda, invece, Sardegna e Friuli Venezia Giulia, trattandosi di regioni a statuto speciale, il congelamento del pagamento del tributo è già in atto, in quanto ad occuparsene è Agenzia delle Entrate Riscossione.

Bollo auto: chi sono le categorie esentate?

Non pagano i proprietari di auto storiche, e, per 5 anni, neanche chi ha acquistato auto elettriche. Sono esentati anche i contribuenti che, dal 2019, scelgono un veicolo ibrido.

È possibile verificare se si è pagato o no?

Sì, è sufficiente collegarsi al sito dell’ACI, o a quello di Agenzia delle Entrate Riscossione, dove è disponibile anche una funzionalità di calcolo della somma pendente in riferimento al tributo.

La redazione

 


 

Bollo e Covid19: un'altra regione congela tutto fino all'estate

Mentre la combo vaccini-distanziamento sociale, con lentezza, dispiega i suoi effetti

Proroga-scadenza-bollo-PiemonteGoverno e Regioni approntano l’ennesima proroga del blocco dei pagamenti attesi da contribuenti/automobilisti. Infatti, gli ottimistici scenari di ripresa produttiva/lavorativa/sociale ipotizzati da chi riteneva il Covid19 un virus meteora che sarebbe andato esaurendosi nel giro di qualche mese, si sono rivelati infondati. L’unica certezza, al momento, è che le tasche e la salute psicofisica delle persone sono state duramente colpite.

Si moltiplicano così gli enti locali che, in virtù dell’autonomia decisionale relativa a tributi come il bollo, confermano ancora il suo congelamento, e rilanciano in avanti la “palla” (o forse sarebbe più corretto chiamarla patata bollente?) differendo nuove misure a ridosso dell’estate.

Ti potrebbe interessare

Sospensione bollo: quali sono le regioni coinvolte?

L’ultimo esempio, in ordine di tempo, è dato dalla Regione Piemonte, la cui Giunta, accogliendo una proposta dell’Assessore al Bilancio e Tributi, ha sancito la possibilità, per gli automobilisti con il bollo in scadenza ad aprile/maggio/giugno, di versare il dovuto senza interessi di mora, entro il 31 luglio 2021.

Una misura analoga, questa, a quella assunta lo scorso anno, nel medesimo periodo, dalla giunta piemontese, che ha già privato le casse regionali di guadagni pari a circa 70 milioni di euro. Del resto, come spiega l’Assessore al Bilancio e Tributi, non c’era altra scelta, a parte quella di assumere un atteggiamento inutilmente punitivo nei confronti dei contribuenti, pretendendo da loro il pagamento di somme certamente improponibili, in quanto gravate da interessi di mora.

La redazione

 

 


 

Sospensione bollo: quali sono le regioni coinvolte?

L’amore – o meglio, l’attaccamento – degli italiani alla macchina, è direttamente proporzionale all’odio per le spese che questa comporta

Sospensione-bolloBollo, Rc Auto, manutenzione, riparazioni, collaudo…sotto molti punti di vista è equiparabile ad un ulteriore componente della famiglia. Un figlio, nello specifico. A parte il fatto che, dopo aver conquistato la maggiore età, chi prima e chi dopo, ognuno di loro si conquista l’autonomia. Emotiva, e materiale.

Tuttavia, la metamorfosi economica, professionale, sociale e psicologica indotta dalla pandemia di Covid19 ha esasperato l’insofferenza di contribuenti ed automobilisti nei confronti delle imposte da pagare. Per questo assumono particolare importanza le decisioni assunte da regioni come il Veneto, la Campania e l’Emilia Romagna. Ecco in dettaglio di cosa si tratta.

Ti potrebbe interessare

Il Veneto ha cancellato le sanzioni a carico degli automobilisti residenti in Italia che non hanno potuto o non potranno pagare il bollo scaduto tra gennaio e maggio 2021. I versamenti riprenderanno a partire dal 30 giugno prossimo.

La Campania, invece ha sospeso le scadenze comprese tra il 1° gennaio scorso, ed il prossimo 30 aprile. I pagamenti riprenderanno dal 30 maggio, senza la maggiorazione della mora.

L’Emilia Romagna ha congelato il pagamento del bollo auto previsto entro il 31 maggio. Gli automobilisti dovranno saldare le pendenze pregresse a partire dal 2 agosto.

La redazione

 

 


 

CONTACT