Notizie

L’auto proviene da un Paese straniero? Ecco quali sono i tuoi obblighi

Continuano a fioccare multe per i furbetti delle targhe straniere

Targhe-straniere-Decreto-SicurezzaNei giorni scorsi gli agenti di polizia locale della provincia di Treviso hanno effettuato una serie di controlli attraverso i quali sono state individuate alcune persone che, pur essendo residenti in Italia, non pagavano il bollo. Sono così arrivate le aspre sanzioni previste dal Decreto Sicurezza entrato in vigore lo scorso dicembre.

loading...

Cosa prevedono le nuove norme in materia?

Chi risiede in Italia da più di due mesi e viene trovato alla guida di un veicolo con targa straniera subisce una multa compresa tra 712 e 2848 euro. A ciò si aggiunge il fermo amministrativo della durata di 180 giorni, finalizzato alla regolarizzazione tramite nazionalizzazione del mezzo.

Qualora ciò non avvenga ci sono due possibilità: rimpatrio o confisca. In quest’ultimo caso è necessario farsi rilasciare il foglio di via e le targhe provvisorie dalla Motorizzazione, dopo aver consegnato tutta la documentazione relativa al veicolo e le targhe originarie.

Leggi anche

Targhe straniere: cominciano a fioccare le multe per i furbetti

La redazione




 


Legge 104: quando scatta l’esenzione dal bollo auto?

Sei disabile, o genitore/parente/coniuge di uno di questi?

Bollo-auto-104Puoi godere di importanti agevolazioni fiscali, tra cui l’esenzione dal pagamento del bollo. A stabilirlo è la Legge 104.

loading...

In cosa consiste l’esenzione e chi ha diritto di usufruirne

Nello specifico, il beneficio può essere richiesto dalle seguenti categorie:

  • sordi e ciechi la cui condizione sia attestata da certificazione apposita emessa da commissioni mediche pubbliche
  • disabili psichici o mentali a cui è stata riconosciuta l’indennità di accompagnamento
  • disabili pluriamputati o che presentano compromesse capacità di deambulare come da documentazione rilasciata da commissione medica ASL.
  • disabili con limitate o assenti capacità motorie
  • familiari a cui il disabile risulti fiscalmente a carico.

L’esenzione integrale e permanente si applica, per ciascun beneficiario, a un veicolo di proprietà che rientra in una di queste tipologie:

  • 2.000 centimetri cubici (veicolo con motore a benzina)
  • 2.800 cm cubici (diesel)

Gli interessati devono inoltrare domanda all’ufficio tributi della regione di residenza o, in assenza di questo, all’Agenzia delle Entrate o all’Aci entro 90 giorno dalla scadenza dei termini previsti per il pagamento del bollo. Dopo l’accettazione della richiesta l’esenzione si rinnova in automatico, a patto che non sia venuto meno uno dei requisiti richiesti.

La documentazione presentata deve comprendere il certificato che attesta la condizione di invalidità e, nel caso in cui il disabile sia a carico di un familiare, la fotocopia o l’autocertificazione dell’ultima dichiarazione dei redditi. Le sue entrate non devono essere maggiori di 2.840,51 euro.

Leggi anche

Usura bancaria: emessa condanna dal Tribunale di Latina

La redazione 




 


Cosa rischi se non paghi il bollo?

Se sei un automobilista almeno una volta sarai stato tentato di tagliare le spese connesse all'auto

Bollo-autoIn realtà questo è un tributo a carattere regionale dovuto annualmente da parte di chi possiede un’auto iscritta al Pubblico Registro Automobilistico. Non utilizzi da tempo l’auto? Comunque devi pagare.

loading...

Quali sono i termini temporali di pagamento?

In caso di veicoli nuovi il tributo deve essere corrisposto entro il mese di immatricolazione.

Se l’auto invece è già immatricolata il bollo deve essere versato entro il mese successivo a quello di scadenza. Esempio: scade in ottobre? Devi pagare entro fine novembre.

…e se dimentichi la scadenza?

Hai ancora modo di metterti in regola tramite ravvedimento operoso. Per sanare il debito, in questo caso, hai tempo un anno, ma dovrai sommare all’importo originario una quota calcolata in base ai giorni di ritardo.

Se non procedi al ravvedimento operoso la Regione ha tre anni di tempo per “richiamarti all’ordine”. Tale arco di tempo decorre dal 1 gennaio dell’anno successivo a quello in cui il bollo sarebbe dovuto essere pagato. In tal caso può aver luogo l’esproprio forzoso, ad esempio attraverso il conto corrente, finalizzato a prelevare la somma dovuta.

Contestualmente la Regione procede al fermo amministrativo dell’auto, che quindi non può più circolare. Per scongiurare tale provvedimento c’è un mese di tempo, entro il quale bisogna certificare che il mezzo è fondamentale per lo svolgimento dell’attività professionale.

Se il bollo non viene pagato per tre anni di seguito la Regione può cancellare il veicolo dal Pubblico Registro Automobilistico.

È possibile utilizzare l’auto se non si è pagato il tributo?

C’è una differenza sostanziale tra assicurazione e bollo. Nel primo caso la circolazione è vietata, e i trasgressori incorrono in una multa compresa tra 800 e 3.000 euro. Invece, in caso di imposta regionale non versata, si può comunque guidare il mezzo su strada.

In quali casi non deve essere pagato il bollo auto?

In caso di veicolo d’epoca o storico, se il proprietario è disabile, in caso di vendita o di radiazione dal Pubblico Registro Automobilistico.

Furto auto: la decisione della Regione Puglia

È stata recentemente approvata la proposta di legge del consigliere di Trani Mimmo Santorsola. Questa prevede che, in tale evenienza, venga sostenuto economicamente il cittadino, tramite compensazione su una nuova auto di proprietà, o tramite rimborso di una quota del tributo.

Condizione necessaria per godere di questo provvedimento è che il furto si sia protratto per almeno tre mesi.

Leggi anche

Perché è necessario effettuare con regolarità il collaudo del veicolo?

La redazione

 



 
 


CONTACT