Cartelle, contributi e IVA rimandati a settembre

Il Governo aveva sospeso il pagamento di ritenute e contributi fino al 31 maggio. Che succede, dopo?

Proroga-blocco-IVA-16-settembreE’ una domanda, questa, che sta angosciando milioni di italiani. Le ricadute del Covid19, infatti, sono state più ampie e profonde di quanto istituzioni, comunità scientifica e società si aspettavano. Realisticamente la ripresa del sistema Paese richiederà sei mesi – un anno, perché moltissime attività economiche in procinto di riaprire devono intanto fare i conti con perdite cospicue, a seguito del lockdown durato due mesi.

Leggi anche

Debiti: le novità contenute nel Decreto Rilancio

Così, nella bozza del Decreto Rilancio in attesa di approvazione è stata inserita anche la proroga del blocco dei pagamenti di numerose voci a carico dei contribuenti. Tra queste, IVA, contributi previdenziali e assistenziali, ritenute sui redditi da lavoro dipendente e similari, e trattenute su addizionali regionali e comunali. I versamenti dovranno riprendere dal 16 settembre scegliendo una delle due opzioni: saldo degli arretrati del 2020 in un’unica soluzione, o “spacchettamento” dell’importo dovuto in un massimo di quattro tranche entro fine anno.

Ci sarà invece tempo fino al 10 dicembre 2020 per mettersi in regola con i pagamenti in sospeso relativi a cartelle esattoriali, o al saldo e stralcio.

Ti potrebbe interessare

Covid19 e buoni spesa: chi fa da sè...

La redazione



 


 


 
 


CONTACT