Che fare in caso di notifica di avviso bonario di una multa?

Suonano alla porta

multaVai ad aprire, apri la busta e ti accorgi che si tratta di una multa, magari di anni prima. Non riesci neppure a ricordare in che circostanza è “scattata”. Che fare, quindi? Pagare o fare opposizione? Quello che abbiamo appena descritto è l’incubo di molti automobilisti. Un incubo che ha un nome ben preciso: avviso bonario.

Di cosa si tratta?

L’avviso bonario è una comunicazione di carattere informale che viene inoltrata attraverso posta ordinaria per notificare l’esistenza di un debito. Nel caso specifico, è la procedura  attraverso cui il contribuente viene messo a conoscenza del fatto che ha compiuto un’infrazione al codice della strada. A partire dal ricevimento di questo c’è un mese di tempo per versare l’importo richiesto.

Che succede se vuoi impugnare l’avviso?

La Cassazione, con ordinanza n. 15957/15 del 28 luglio 2015, ha riconosciuto la possibilità per il cittadino di fare ricorso contro tutti quelli atti finalizzati a rendere nota la pretesa tributaria. Per estensione, dunque, anche l’avviso bonario relativo a contravvenzione stradale. Perciò, aver appurato qual è l’oggetto della contestazione contenuta nella comunicazione, si può procedere. L’autorità competente è il Giudice di Pace; i costi da sostenere, definiti di contributo unificato, partono da 47 euro – per importi fino a 1.100 euro – per poi aumentare in proporzione. 

La redaziobe



CONTACT