Che succede se non sei a casa quando arriva l’avviso di AER?

Il postino suona sempre due volte?

Irreperibilità-relativaNei film, forse, ma nella realtà la situazione è ben diversa. Ne sanno qualcosa i contribuenti che hanno avuto a che fare, almeno una volta nella vita, con Equitalia.

Spesso infatti, se il destinatario della raccomandata è assente al momento della notifica, il famigerato plico finisce per essere risucchiato in una sorta di gorgo spazio-temporale. Così il contribuente viene a conoscenza dei provvedimenti coattiva assunti nei suoi confronti solo quando non può  più opporsi.

Risultano quindi particolarmente significative alcune recenti pronunce in materia di irreperibilità relativa.

Leggi anche

Rottamazione cartelle esattoriali: ancora 10 giorni per aderire

Contribuente assente: irreperibilità relativa vs irreperibilità assoluta

La prima casistica ricorre quando, pur essendo noto il recapito del destinatario, non è stato possibile perfezionare la procedura di notifica. Le motivazioni sono due: il contribuente, pur non essendosi ufficialmente trasferito, non è reperibile, e come lui neppure il portiere o eventuali familiari conviventi. Può succedere d’altra parte, che l’interessato o le persone a lui vicine si rifiutino di prendere in consegna il plico.

Leggi anche

Diritti inespressi: come verificare se puoi ottenere un aumento sull’assegno mensile

Si parla invece di irreperibilità assoluta quando non è possibile rintracciare il destinatario all’indirizzo indicato (in virtù di un trasferimento in luogo sconosciuto), o se nel Comune relativo alla notifica non risulta né un recapito di residenza né uno lavorativo.

Quale procedura da seguire in caso di irreperibilità relativa?

Una recente ordinanza emessa dalla Cassazione (n.9782 del 19 aprile 2018) è intervenuta specificando che il postino non può limitarsi a riconsegnare il plico all’Ufficio e, dopo la conclusione della finestra temporale relativa alla giacenza, al mittente.

Dunque, in caso di irreperibilità relativa, copia della comunicazione deve essere depositata presso la casa comunale. L’avviso va invece affisso in corrispondenza della porta della casa o dell’ufficio del destinatario, e contestualmente inoltrato mediante raccomandata.

Se invece l’irreperibilità si configura come assoluta, la notifica si intende completata mediante l’affissione dell’avviso di accertamento presso l’albo comunale.

La redazione

 


 

 
✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy