Cittadini smemorati: Equitalia non perdona. E il debito lievita …

Salti una rata? Non la passi liscia. Letteralmente. Così, se malauguratamente ti dimentichi un pagamento, rischi di beccarti un conto decisamente salato. Ne sa qualcosa un artigiano di Castelfranco Veneto (Treviso) che si è visto addebitare più di 2.600 euro. All’origine di tutto, un’insolvenza di 234,30 euro. 
Perché la rata è schizzata alle stelle? In quanto le norme in materia di rateazione sanciscono che, se viene saltata anche un solo pagamento, si incorre in una maggiorazione del 30%, che viene calcolata sull’IVA originaria, ovvero quella saldata. 
«Una legge assolutamente ingiusta. Avendo pagato cinque rate su sei regolarmente, è una vessazione da Stato oppressore, non degna di uno Stato democratico di diritto. Chi chiede rateazioni è perché le tasse le vuole pagare, vuole cioè essere un bravo cittadino. Quindi non va ulteriormente punito con maxi sanzioni». Così il direttore della CNA, Roberto Ghegin, che sta supportando l’uomo. Quest’ultimo, nel frattempo, ha dovuto “spezzettare” in altre 26 tranches i circa 3.000 euro. 

Equitalia non perdona e il debito lievita... Equitalia_Rate_Debito

Salti una rata? Non la passi liscia. Letteralmente. Così, se malauguratamente ti dimentichi un pagamento, rischi di beccarti un conto decisamente salato

Leggi anche

Equitalia bussa all’azienda. E intanto si preparano i licenziamenti…

Ne sa qualcosa un artigiano di Castelfranco Veneto (Treviso) che si è visto addebitare più di 2.600 euro. All’origine di tutto, un’insolvenza di 234,30 euro.

Perché la rata è schizzata alle stelle? In quanto le norme in materia di rateazione sanciscono che, se viene saltata anche un solo pagamento, si incorre in una maggiorazione del 30%, che viene calcolata sull’IVA originaria, ovvero quella saldata.

Leggi anche

«Equitalia ci istiga al suicidio». Tribunale assolve disoccupato modenese

«Una legge assolutamente ingiusta. Avendo pagato cinque rate su sei regolarmente, è una vessazione da Stato oppressore, non degna di uno Stato democratico di diritto. Chi chiede rateazioni è perché le tasse le vuole pagare, vuole cioè essere un bravo cittadino. Quindi non va ulteriormente punito con maxi sanzioni». Così il direttore della CNA, Roberto Ghegin, che sta supportando l’uomo. Quest’ultimo, nel frattempo, ha dovuto “spezzettare” in altre 26 tranches i circa 3.000 euro

Leggi anche

Anziano a rischio povertà. Stoppata Equitalia

Da redazione

 


 
 

 

✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy