Conti e cassette di sicurezza: ci si può fidare delle banche?

Che succede ai miei soldi dopo che li deposito su IBAN o libretto?

Depositare-soldi-bancaLa domanda ti sembra stupida? E’ solo perché non hai letto le mail e i commenti che riceviamo quotidianamente in posta elettronica e su Facebook. O perché, forse, non essendo (ancora) mai stato cliente di un istituto di credito, non hai dovuto – letteralmente – mettere nelle mani dei suoi impiegati i tuoi risparmi. In tutti gli altri l’amletico dubbio sarà riaffiorato – in forma più o meno marcata – ogni volta che all’orizzonte si è profilata la crisi di una o più banche. Per l’imperizia di chi le gestiva, per un sistema economico in affanno…o per problemi sanitari su vasta scala, come nel caso dell’odierna pandemia di Coronavirus.

Ti potrebbe interessare

La buona notizia è che l’importo che diamo in gestione alla banca DEVE esserci restituito, al netto di interessi e commissioni, in corrispondenza allo scadere del contratto. E se la banca fallisce prima? Fino a 100mila euro di deposito sei tutelato – e quindi risarcito – attraverso un Fondo Interbancario ad hoc.

Scenario diverso se la banca detiene tuoi oggetti di valore in cassette di sicurezza. In questo caso, infatti, è obbligata a restituirteli senza alcuna modifica, neanche la sostituzione con oggetti identici (e quindi di medesimo valore). Ciò invece avviene sistematicamente, ed è perfettamente lecito, nel caso in cui svincoli i risparmi da un IBAN allo scadere del contratto: ovviamente le banconote che riceverai NON saranno le stesse che avevi depositato.

Le cassette di sicurezza non possono essere aperte dall’istituto di credito, a meno che non sia tu a richiederlo, e ad assistere all’operazione.  Quel che è certo è che, se depositi dei beni, sei in una…botte di ferro: li perdi solo se si verifica un incendio o una calamità naturale che distrugge fisicamente la sede della banca.

Ti potrebbe interessare

La redazione



 
 




 

CONTACT