Cosa fare quando arriva l’ufficiale giudiziario

Che succede quando il creditore si rivolge al tribunale?

Ufficiale-giudiziarioQuasi certamente interviene l’ufficiale giudiziario per setacciare le banche dati del Fisco, dell’INPS e affini, del PRA e degli enti pubblici, individuando beni e fonti di reddito a disposizione del debitore. Un modo, questo, per consentire al creditore di muoversi “a colpo sicuro” per decidere cosa è preferibile aggredire.

Conclusa questa fase, l’ufficiale giudiziario mette nero su bianco i risultati della ricerca stilando un verbale. Segue la localizzazione materiale di beni e redditi su cui potrà rivalersi il creditore; nel peggiore dei casi si procede al pignoramento allo scopo di impedire al debitore di trasferire ciò che possiede per non pagare.

loading...

…E se l’ufficiale giudiziario non trova quello che dovrebbe?

In caso di discrepanze tra l’esito dell’indagine telematica e quanto fisicamente presente presso il domicilio del debitore ci sono due settimane di tempo per collaborare, rivelando dove è stato nascosto il maltolto. Farlo è un dovere, e non una scelta facoltativa, perciò chi non adempie può subire fino a un anno di carcere o pagare una sanzione di circa 500 euro.

A tal proposito si sono pronunciati anche gli Ermellini, chiarendo che non c’è reato, se l’ufficiale giudiziario non ha preventivamente comunicato al debitore che eventuali omissioni o false comunicazioni hanno rilevanza penale. Contestualmente devono essere precisati i termini entro cui è possibile rivelare dove si trovano i beni “fantasma” (Corte di Cassazione, sezione IV Penale, sentenza 30 aprile – 1 luglio 2019, n.28516).

Le azioni che può intraprendere il creditore

Gli strumenti a sua disposizione sono tre, e il suo tramite è sempre l’ufficiale giudiziario.

Se il debito non supera 5mila euro il tribunale o il Giudice di Pace procedono all’emanazione di un decreto ingiuntivo che richiede al debitore di regolarizzare la sua posizione entro 40 giorni.

Qualora tale atto si riveli inefficace, o il debitore veda respinta la sua opposizione, subentra l’atto di precetto. Vengono concessi ulteriori 10 giorni per pagare, e in caso di reiterata insolvenza si procede all’esproprio di beni mobili, immobili, o di somme (stipendio, pensione) depositate presso terzi, vale a dire banche.

Leggi anche

Le conseguenze salate di una rata non pagata

La redazione




 


CONTACT