Covid19: novità sul bonus per lavoratori non dipendenti

Quale sorte spetterà agli autonomi, quando il Decreto Rilancio vedrà la luce?

Bonus-autonomi-Covid19Automatismo ed esemplificazione dovrebbero essere le parole d’ordine, perlomeno questo sembra essere l’intento del Governo, se si legge la bozza del provvedimento. Infatti, chi ha ottenuto il bonus di 600 euro relativo al mese di marzo dovrebbe ricevere quello di aprile senza attivare un’ulteriore procedura. Per il mese di maggio, invece, l’importo aumenterà (1.000 euro) per specifiche categorie di lavoratori, e sarà concesso solo certificando un calo di fatturato.

Ti potrebbe interessare

Integrazione salariale: Inps anticiperà entro 15 giorni il 40%

L’articolo 89 (comma VIII) del Decreto specifica che il bonus di 600 euro di aprile sarà confermato a liberi professionisti, co.co.co, stagionali del settore turistico e termale che lo abbiano già ricevuto.

I liberi professionisti appartenenti alla Gestione Separata che documentino, in riferimento al secondo bimestre 2020, una riduzione di almeno un terzo del reddito, rispetto al medesimo periodo del 2019, a maggio riceveranno un bonus maggiorato a 1.000 euro. Analogo trattamento economico spetterà ai co.co.co iscritti alla Gestione Separata ma non, contestualmente, ad altre casse previdenziali.

Leggi anche

Contributi a fondo perduto per le PMI

La redazione


 


 
 


CONTACT