Crediti verso la PA, compensazione cartelle Equitalia anche nel 2015

Come usufruire della compensazione Compensazione

La compensazione tra cartelle Equitalia e crediti verso la Pubblica Amministrazione è stata prorogata al 2015. Inizialmente infatti era prevista solo per il 2014.

Ma come fare a usufruire della compensazione? E’ necessario che i crediti siano documentati e che l’importo iscritto a ruolo sia minore o uguale a questi.

Leggi anche

Truffati dalla banca e costretti al pignoramento dei beni

In presenza di questi requisiti, i crediti si possono compensare seguendo la procedura fissata dai decreti ministeriali del 2012. Chi vanta un credito, esibisce la relativa documentazione all’agente di riscossione competente. 

La Pubblica Amministrazione è tenuta a versargli l’importo certificato entro 60 giorni dal termine fissato. In caso contrario, l’agente può effettuare nei suoi confronti una riscossione coattiva.

«Vincono ancora una volta la concretezza, il pragmatismo e le buone idee del M5S che in Parlamento porta le istanze dei professionisti e delle Pmi che tengono in piedi il Paese». Così il Movimento Cinque Stelle ha commentato la notizia

Leggi anche

Evasione fiscale, Governo propone depenalizzazione reato sotto 200mila euro

Da redazione 

 


 
 

CONTACT