Debiti con lo Stato: come pagarli senza dover tirare fuori il portafoglio

Buone notizie per imprenditori e liberi professionisti

Compensazione-debiti-PAÈ stata infatti prorogata di un anno la possibilità di compensare (vale a dire, estinguere) eventuali cartelle esattoriali emesse dall’Agenzia delle Entrate con crediti commerciali maturati nei confronti della Pubblica Amministrazione.

loading...

Qual è il “match” perfetto tra carico iscritto a ruolo e credito?

Usufruire della misura è possibile se si verificano in simultanea due condizioni: tanto per cominciare, il debito deve essersi originato entro il 31 dicembre del 2017. Inoltre i crediti, documentati da apposita certificazione, non devono essere prescritti, bensì certi, liquidi ed esigibili. Questi ultimi devono essere connessi a forniture, servizi, somministrazione ed appalti relativi ad aziende e liberi professionisti.

I crediti devono essere provati secondo la procedura indicata nei DM Economia del 22 maggio 2012 e 25 giugno 2012, e l’ammontare della (o delle ) cartella esattoriale deve essere minore o uguale.

Gli interessati possono ottenere la certificazione dei crediti accedendo alla Piattaforma dei Crediti Commerciali tramite il portale della Ragioneria Generale dello Stato.

loading...

Il riferimento di legge

La proroga della compensazione è stata sancita dal DL 87/2018 (articolo 12-bis) noto come Decreto Dignità. La novità rispetto al passato è l’immediata operatività della misura: stavolta per beneficiarne non bisogna aspettare che venga emanato un decreto di attuazione ministeriale.

I precedenti

La compensazione ha fatto la sua comparsa per la prima volta nel 2014, in riferimento alle cartelle notificate entro il 31 marzo di quell’anno.

La redazione

 


 

 

CONTACT