Equipay: per dire addio alla cartella basta un bancomat

EquipayEquipay 

Internet banking, poste,  Equiclick, Sisal e Lottomatica. Il contribuente che vuole regolarizzare la sua posizione nei confronti dell’Agenzia di Riscossione ha solo l’imbarazzo della scelta

Negli ultimi mesi, inoltre, si sono moltiplicati i servizi volti a esemplificare e abbreviare i tempi “tecnici” necessari a saldare le proprie pendenze, o anche, semplicemente, a richiedere chiarimenti e informazioni. In quest’ottica si inserisce anche l’ultima applicazione lanciata da Equitalia, parliamo di Equipay. 

In cosa consiste?

Il servizio permette di pagare le cartelle esattoriali attraverso bancomat. Ciò significa, in pratica, che l’utente può versare il corrispettivo dei bollettini semplicemente recandosi presso uno degli sportelli bancomat delle banche che condividono il servizio CBILL del Consorzio CBI (Customer to Business Interaction).

Come funziona Equipay?

Per procedere, il contribuente deve verificare presso uno degli sportelli ATM degli istituti di credito convenzionati che l’importo da sborsare sia inferiore o uguale al tetto massimo del proprio bancomat. A questo punto basta selezionare l’opzione inerente il pagamento, e seguire la procedura guidata.

Allo scopo di rendere l’operazione il più rapida e pratica possibile, ogni bollettino riporterà l’indicazione della somma da saldare, corredata dalla data di scadenza e dal codice RAV, richiesto dal bancomat al momento del pagamento.

da redazione

 


 


 

CONTACT