«Equitalia deve risarcire il contribuente. Il pignoramento era illegittimo»

Cittadini – Agenzia di Riscossione 1 a 0.  Il Tribunale di Pordenone ha infatti congelato il pignoramento dello stipendio e decretato che l’Ente deve procedere al rimborso.

Tutto era cominciato a novembre dell’anno scorso, quando la famiglia di Roveredo si era vista recapitare un avviso di pagamento da Equitalia, per un ammontare complessivo di circa 15mila euro.

Era stata inoltrata richiesta online di sospensione, in virtù dell’avvenuta prescrizione del credito, tuttavia, nonostante la procedura fosse andata a buon fine, l’Agenzia di Riscossione aveva pignorato parte dello stipendio del capofamiglia. Quest’ultimo, però, non era stato informato dell’accaduto.

L’intervento di Codici (Centro per i diritti del cittadino) ha, fortunatamente, reso possibile l’avvio del ricorso e la vittoria del contribuente.

«Fisco non fornì sufficienti informazioni» Annullato debito da 39 milioni di euro

«Il Parlamento indaghi su errori e disservizi di Equitalia»
 

CONTACT