Estesi i beneficiari dei contributi a fondo perduto?

Il Decreto Rilancio è sottoposto ad una serie di ritocchi, e tra questi potrebbe essercene uno che riguarda i liberi professionisti

Contributi-fondo-perduto-Covid19Tale categoria, infatti, è stata esclusa dai contributi a fondo perduto previsti dal provvedimento, ma la Camera sta discutendo una serie di emendamenti che potrebbero farla “rientrare dalla finestra”. A confermare l’ipotesi contribuiscono anche le dichiarazioni rilasciate dal Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, lo scorso 4 giugno, nell’ambito degli Stati Generali delle Professioni.

Cos’è il contributo a fondo perduto?

Si tratta di un finanziamento solitamente erogato dallo Stato che non comporta il rimborso da parte del beneficiario. L’articolo 25 del Decreto Rilancio ha riconosciuto FINORA la possibilità di richiederlo solo a titolari di attività di impresa, partite Iva, autonomi, e a chi opera nel comparto agricolo e commerciale, e nell’ultimo periodo d’imposta ha fatturato meno di 5 milioni di euro. Nello specifico, fatturato e corrispettivi di aprile 2020 devono essere inferiori ai due terzi dei valori registrati ad aprile dello scorso anno.

Chi non può certificare tale condizione, può comunque ricevere i contributi a fondo perduto se rientra in una di queste categorie:

-       avvio dell’attività dopo il 1 gennaio 2019;

-       domicilio fiscale o sede operativa dell’attività in una dei comuni della zona rossa, dichiarata tale prima che esplodesse l’emergenza su base nazionale.

Ti potrebbe interessare

Cosa fare se la cartella è stata consegnata ad un altro

La redazione

 


 
 


CONTACT