Immobili, ecco i casi in cui Equitalia non può chiedere l’esproprio

Stop_agli_espropriArginare Equitalia

La crisi che da anni infuria in Italia ha spazzato via una parte importante del tessuto produttivo, con conseguenze drammatiche. Questo ha reso necessario “arginare” Equitalia, che si occupa di riscuotere i debiti dei cittadini spesso anche in modo tanto sbrigativo quanto irrevocabile. 
 
Leggi anche

 

Stop agli espropri, anche a quelli già avviati

Ad esempio, il Decreto del Fare ha introdotto il divieto per Equitalia di accendere l’ipoteca sulla prima casa del debitore, se questa coincide con la sua residenza anagrafica
 
Il divieto riguarda anche le procedure iniziate prima dell’entrata in vigore della legge, come ha specificato un’importante sentenza del settembre scorso. Non può essere effettuato neanche il fermo dell’auto necessaria a raggiungere il posto di lavoro, né l’esproprio di immobili che non costituiscono abitazione principale, per importi inferiori a 120.000 euro
 
Se la cifra è superiore, l’esproprio è consentito, a patto che l’ipoteca sia stata registrata almeno sei mesi prima che il Tribunale abbia avviato il pignoramento. 
 

Cosa succede in presenza di ulteriori debiti con terze parti?

D’altra parte, Equitalia può inserirsi nella procedura di espropriazione dell’abitazione principale intrapresa da altri soggetti. Quindi, se il debitore non ha pagato le rate del mutuo, e la banca è già intervenuta per recuperare il credito attraverso esecuzione forzata, Equitalia può richiedere una quota del ricavato
 
Però, se il mutuatario fa ricorso contro la banca e vince, l’esproprio viene bloccato.  
In conclusione, se il Tribunale non ha già individuato un miglior offerente a cui ha assegnato la casa, l’espropriazione è interrotta immediatamente. 
 

Tormentato dalle società di recupero crediti?Iscriviti gratuitamente e saremo lieti di offrirti consulenza.  Clicca qui

Leggi anche

 
Da redazione 


 

CONTACT