Irpef: nuove aliquote per famiglie e autonomi?

Qualcosa si muove in materia di flat tax. La parola d’ordine sembra essere esemplificazione

L’attuale nota di aggiornamento al DEF (Documento di Programmazione Economica e Finanziaria) introdurrebbe gradualmente la cosiddetta tassa piatta sui redditi. I cinque scaglioni vigenti oggi verrebbero sforbiciati, passando prima a tre e poi a due nel 2021.

loading...

Flat tax: cos’è e come cambierà

La tassa piatta, calcolata attraverso una percentuale costante, si fonda su un sistema fiscale non progressivo.

In senso stretto la flat tax riguarda aziende e famiglie, ma il governo Cinque Stelle – Lega sta estendendo l’accezione anche alle partite IVA.

Quali sono, a oggi, le regole applicate alle persone fisiche in materia di IRPEF? Gli scaglioni sono cinque: no tax area fino a 8mila euro, aliquota del 23% per redditi fino a 15mila euro, 27% entro 28mila euro, 38% fino a 55mila euro , 41% fino a 75mila euro e 43% per importi superiori.

Il progetto del governo sarebbe quello di unificare alcuni scaglioni, applicando l’aliquota del 23% ai redditi fino a 75mila euro, e il 33% a quelli più alti.

Per quanto riguarda il regime di minimi, inoltre, probabilmente verranno messi a punto due scaglioni: il 15% per chi ha introiti fino a 65mila euro, e il 20% entro i 100mila (IVA compresa).

Una strategia, questa, che mira ad ampliare il numero dei beneficiari del regime forfettario, guardando con particolare attenzione agli autonomi, target elettorale caro alla Lega.

Leggi anche

C’è vita dopo un pignoramento? La risposta non è scontata

La redazione

 



 

CONTACT