Non è reato trasferire un bene, se la somma da restituire è modesta

Che succede se il debitore sottrae intenzionalmente qualcosa al pignoramento?

Sottrazione-beni-pignoramentoNon necessariamente si incorre in reato, come dimostra una recente pronuncia della Cassazione. La vicenda ha riguardato una donna che aveva subito un processo penale in quanto accusata di aver spostato alcuni beni dall’iniziale luogo di custodia per evitarne l’esproprio.

Cosa stabilisce la legge in proposito? L’articolo 388 del Codice Penale spiega che, chiunque compia atti illeciti su beni propri o altrui durante l’applicazione di una misura dell’autorità giudiziaria è punibile con il carcere fino a tre anni e una multa compresa tra 103 e 1032 euro.

La donna era stata quindi condannata in primo grado, e la pronuncia era stata ribadita in appello. A quel punto era stata coinvolta la Cassazione e chiamata a decidere sulla legittimità della decisione.

La difesa si è così appellata all’articolo 131 bis del Codice Penale, su cui si è fondata la sentenza n.13681 del 2016 emessa dalla Cassazione. In tal caso la non punibilità del reato è determinata dal fatto che il danno indotto è di modesta entità. Un principio, questo, applicabile anche alla vicenda della donna, in quanto il suo debito ammontava a circa 500 euro.

Leggi anche

Tutto quello che c’è da sapere sulla notifica di un debito
 

La redazione




 


CONTACT