Pagamenti cash fino a 2mila euro. Guerra al denaro cartaceo?

L’estate è alle porte…e con questa anche il giro di vite sui contanti

Dal 1 luglio, infatti, l’importo massimo di cash utilizzabile scenderà a 2mila euro (1.999 euro, per la precisione), e, a partire dal 1 gennaio 2021, arriverà a 1.000 euro (999 euro, per l’esattezza). I nuovi parametri sono stati introdotti dal Decreto n.124/2019 collegato all’ultima Legge di Bilancio.

Ti potrebbe interessare

Pignoramento telematico: in cosa consiste?

I trasgressori saranno puniti con sanzioni pecuniarie proporzionate all’ammontare eccedente la soglia fissata (D.Lgs. 90/2017). Resta comunque valida la possibilità di pagare a rate importi anche superiori, se relativi a prestazioni erogate da professionisti.

L’intento del Governo è incentivare il ricorso alla moneta elettronica e agli assegni non solo per scongiurare l’evasione fiscale, ma anche per contenere indirettamente il rischio di diffusione del Covid19 promuovendo gli acquisti online.

Leggi anche

Rimandato il pignoramento conto? Sì, no, forse

La redazione

 


 


 
 


CONTACT