Pignoramento se non paghi Imu, Tari e Tasi?

Hai dimenticato di pagare l’imposta sulla casa o quella sulla spazzatura?

Pignoramenti-fastA breve il tuo Comune potrebbe avere maggiori poteri in termini di riscossione, e “aggredire” i tuoi beni molto più rapidamente del passato. Una brusca e inattesa sterzata, questa, che sembrerebbe essere contenuta nella Legge di Bilancio 2020.

Detto provvedimento, infatti, secondo indiscrezioni, prevederebbe l’introduzione dello strumento dell’accertamento esecutivo anche per le tasse a carattere locale. Così, il Comune potrebbe passare alle vie di fatto già dopo aver inviato l’avviso di accertamento e l’intimazione di pagamento.

All’origine della muscolare modifica ci sarebbe l’esigenza, da parte degli enti dislocati sul territorio, di contrastare l’evasione di tasse come Tari, Imu e Tasi che, secondo stime, comporterebbe un mancato incasso di circa 5 miliardi di euro.

Cosa potrebbe succedere, quindi, ai contribuenti debitori a partire dal prossimo anno? Se la somma non pagata è inferiore a diecimila euro, riceveranno un sollecito di pagamento e, per evitare di incappare in misure esecutive, dovranno saldare la pendenza in un’unica tranche, o “spalmandola” in un arco di tempo compreso tra quattro mesi e sei anni.

Leggi anche

Cartelle esattoriali scadute? Prorogati termini di pagamento

La redazione

 



 
 


CONTACT