Segnalazione a cattivo pagatore: da Belluno decisiva ordinanza

L’iscrizione in Centrale Rischi pesa come un macigno sul presente e futuro 

Ordinanza-Centrale-Rischi-Belluno

Per questo il provvedimento deve essere attentamente ponderato dall’istituto di credito. Nei giorni scorsi una società veneta di Belluno ha visto riconosciute le proprie ragioni nei confronti di una banca rea di aver agito in tutta fretta anni fa.

Chiedi chiarimenti sui tassi pagati? La controparte potrebbe giocare su due tavoli

Nel 2013 la società, operante nel settore immobiliare, decide di approfondare la questione legata alle rate del mutuo. Così, commissiona una perizia sugli interessi versati, ed emerge che gli stessi sono talmente alti da sforare la soglia d’usura.

Si interrompono quindi i pagamenti alla banca finchè le parti non giungono a un accordo. Nel frattempo però è già partita l’iscrizione in Centrale Rischi…e la relativa discesa agli inferi della società, messa praticamente con le spalle al muro dall’atteggiamento ostile e discriminatorio di tutti gli istituti di credito.

Leggi anche

Rottamazione bis cartelle: quali sono le date da tenere d’occhio?

Finchè interviene il Collegio del Tribunale di Belluno…

Questo accoglie l’istanza della società stabilendo che l’iscrizione in Centrale Rischi vada rimossa con effetto retroattivo. In pratica, sarà come se non ci fosse mai stata. Nel frattempo dovrà essere determinato l’ammontare del danno patrimoniale e non patrimoniale, per stabilire il relativo risarcimento.

Il Collegio del Tribunale di Belluno ha inoltre spiegato qual è l’iter che deve seguire la banca prima di procedere alla segnalazione. In fase preventiva è diritto del debitore essere avvisato, in modo da essere concretamente in grado di scongiurare la severa misura.

Peraltro, il ritardo nei pagamenti rappresenta condizione necessaria  ma non sufficiente all’iscrizione in Centrale Rischi, e va quindi accompagnato dall’analisi dettagliata della situazione economica del soggetto debitore. In tale sede è necessario valutare parametri quali la liquidità e l’esistenza di eventuali protesti, accertando che l’impossibilità di onorare le rate sia strutturale, e cioè non reversibile nel medio-lungo periodo.

Come fare a richiedere la cancellazione dalla Centrale Rischi? Clicca qui per tutte le informazioni

La redazione

 


 

 

CONTACT