Silvio Buttiglione: la solidarietà della Rete contro la roulette russa delle aste

Maggio continua a essere un mese contraddittorio per l’ex imprenditore

Silvio-ButtiglioneL’inizio della fine, per lui, è stata la revoca di un fido da 50mila euro da parte della sua banca. Decisione, questa, che ha innescato un massacrante effetto domino lungo undici anni, scandito anche da gesti eclatanti, quali tentativi di suicidio e il proposito di vendere i propri organi.

Leggi anche

“Da Equitalia ad AER, la mia via crucis”

Nei prossimi 40 giorni potrebbe decidersi il futuro di Silvio Buttiglione, in quanto è alle porte l’ultimo tentativo di vendita all’asta della sua casa. La procedura di liquidazione era stata precedentemente congelata per due anni, ma il sollievo temporaneo non ha cambiato nella sostanza i termini della questione.

Disattiva per: inglese

 

Come iene che gironzolano intorno alla carcassa di una gazzella...

Via via che si avvicina l’asta del 18 maggio, un numero crescente di potenziali acquirenti chiede di vedere la casa, che ovviamente fa gola, anche in considerazione del fatto che il prezzo si è praticamente dimezzato, passando da 250mila a 109mila euro. Per l’ex imprenditore originario della Puglia, quindi, all’angoscia derivante dalla consapevolezza di potersi ritrovare a breve senza un tetto sulla testa, si somma il senso di violazione, di intrusione nella propria privacy. Emozioni inevitabili quando degli sconosciuti scrutano con occhio interessato e a tratti avido lo spazio in cui per decenni si è svolta la propria vita.

Guarda il video

Che succede se la banca ti revoca il fido?

 

Quattro anni fa la mobilitazione del Movimento Cinque Stelle

Nel maggio 2014 Beppe Grillo, Luigi Di Maio e un migliaio di attivisti presenziarono al tentativo di vendita all’asta dell’immobile, fornendo un robusto sostegno psicologico e sprone a Silvio Buttiglione. Si parlò a lungo della vicenda, sia a livello locale che nazionale, e questo tenne lontani, per un certo periodo, gli aspiranti acquirenti della casa. Ora però la “processione” è ripresa, e l’ex imprenditore spera di poter riacquistare l’immobile utilizzando i soldi messi insieme dalla raccolta fondi partita nelle scorse settimane, a seguito del suo appello lanciato su Facebook.

I debiti ti hanno messo con le spalle al muro? Compila il form per ricevere assistenza senza impegno

La redazione 

 


 

 
✍  FAQ    Chi Siamo     
Informativa Privacy