Tutto quello che c’è da sapere sull’esdebitazione senza utilità

Buone notizie per chi ha un debito ed è impossibilitato a saldarlo

Esdebitazione-senza-utilitàRecentemente, infatti, sono state apportate importanti modifiche alla cosiddetta Legge Salvasuicidi (n.3 del 2012), che è stata incorporata nel Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza diffuso attraverso la Gazzetta Ufficiale.

 Cosa cambia, quindi per i cittadini? D’ora in poi, i debitori in condizioni economiche particolarmente gravi potranno beneficiare della cosiddetta esdebitazione a zero incassi, ovvero cancellare le proprie pendenze senza pagare.

Ti potrebbe interessare

Quali tutele per gli anziani che hanno un debito?

Le tre opzioni già previste

Gli imprenditori che non possono accedere alla liquidazione giudiziale e i privati cittadini potranno, comunque continuare ad accedere ai seguenti strumenti:

  • Piano del Consumatore, scaturito dalla collaborazione tra debitore e Organismo di Composizione della Crisi e sottoposto al via libera dell’autorità giudiziaria, indipendente dalla volontà dei creditori;
  • Accordo con i Creditori, a cui si può accedere solo se i debiti contratti riguardano integralmente o in misura considerevole lo svolgimento dell’attività professionale e/o imprenditoriale. Detto documento deve essere approvato dai creditori a cui spetta almeno il 60% dell’importo originario;
  • Liquidazione del Patrimonio, che implica la vendita integrale dei beni del debitore.

Cos’è l’esdebitazione a zero incassi?

Questa consente al debitore di estinguere le pendenze anche senza pagare i creditori. Un modo, questo, per sostenere chi vuole rientrare nel mercato del lavoro, nell’ottica di contribuire al sostentamento del proprio nucleo familiare.

Tale opportunità è rivolta ai cittadini meritevoli che si trovano in condizioni di indigenza.

I debiti esclusi sono quelli relativi al mantenimento e al rimborso di illeciti extracontrattuali.

La più recente versione del Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza ha peraltro introdotto una rilevante modifica linguistica: la parola fallimento è stata infatti cancellata e rimpiazzata da liquidazione giudiziale. Un modo, questo, per contribuire a liberare imprenditori e cittadini vittime di problemi finanziari dal marchio umiliante di “falliti”.

Leggi anche

Il conto è in rosso? Ecco quali tutele hai nei confronti del creditore

La redazione



 
 


CONTACT