Anatocismo bancario: rimborsati 300mila euro a imprenditore molisano

Hai aperto uno o più conti correnti prima del 2000?

Anatocismo-bancarioLa banca deve rimborsarti gli interessi illegittimamente addebitati, che configurano il reato di anatocismo, vale a dire la capitalizzazione trimestrale degli interessi che deve pagare il correntista, e la capitalizzazione annuale di quelli a cui ha diritto.

Una nuova sentenza si è inserita in questo solco nelle scorse settimane. Ad emetterla è stato il Tribunale di Campobasso, che ha richiesto ad uno dei principali istituti di credito italiani di restituire circa 300mila euro ad un imprenditore molisano. La pronuncia ha ribaltato la situazione iniziale, caratterizzata da un presunto debito del correntista.

Ti potrebbe interessare

Come evitare il pignoramento improvviso del conto corrente?

Tutto quello che c’è da sapere sull’anatocismo bancario

I correntisti devono essere risarciti degli interessi a debito maturati entro giugno 2000 e nel periodo compreso tra marzo 2014 e giugno 2016. Spesso è possibile recuperare anche quelli pagati tra il 2000 ed il 2014. A patto che la richiesta sia stata inoltrata entro 10 anni dalla chiusura del conto.

Come verificare se hai diritto al rimborso?

E’ necessario controllare il contratto relativo all’apertura del conto, gli estratti conto contenenti scalare e formula di calcolo delle competenze.

Leggi anche

Il conto è in rosso? Ecco quali tutele hai nei confronti del creditore

La redazione

 



 
 


CONTACT