Bonifici e prelievi frequenti? Ecco quello che devi sapere

God bless POS? Fino ad un certo punto…

Limite-prelievo-contantiDa un lato lo sdoganamento – o meglio, il deciso incoraggiamento da parte del governo – dei pagamenti elettronici ha implicato (sulla carta) esemplificazione delle procedure, risparmio di tempo e comodità. In concreto, però, ha determinato una regolamentazione più strutturata e stringente dei limiti quantitativi a cui attenersi in caso di bonifici e prelievi. Con buona pace dei paladini della libertà e della privacy.

Ti potrebbe interessare

Dopo quanto si prescrive un decreto ingiuntivo?

Cosa fare (o NON fare) se mandi o ricevi denaro tramite POS o Internet

Tanto per cominciare, devi comunicarlo al Fisco al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi. Per calcolare le tasse che devi pagare allo Stato, e le eventuali detrazioni a cui hai diritto, infatti, Agenzia delle Entrate deve conoscere l’esatto ammontare di somme in entrata ed in uscita sui tuoi conti, nonché di che tipo/natura sono. In parole povere, la causale deve essere indicata in modo chiaro, anzi inequivocabile. In alternativa, devi essere in grado di provare che l’importo in questione non è soggetto a tassazione, o che è già stato “sfrondato” a monte.

Comunque, in qualunque momento, se il Fisco vuole ottenere ulteriori specifiche, può accedere all’Anagrafe dei Conti Correnti gestito dagli istituti di credito. Può farlo su QUALUNQUE somma, non esiste una soglia minima, ma ovviamente più è “pesante” l’operazione in entrata/uscita, maggiore è la probabilità che susciti la curiosità…maliziosa di AER. Basti dire che, al di sopra dei 10mila euro contanti, parte una sorta di alert diretto all’Unità di Informazione Finanziaria ai fini dell’antiriciclaggio.

Fino a quale cifra puoi pagare/essere pagato in contanti?

La Legge di Bilancio dello scorso anno ha abbassato il tetto massimo, ponendo le premesse per nuove restrizioni quantitative nel medio periodo. Dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021 l’uso del contante è ammesso entro 1999,99 euro, da 2mila in poi bisogna ricorrere ai pagamenti elettronici. Dal 2022, invece, sarà possibile usare moneta cartacea fino a 999,99 euro.

Ti potrebbe interessare

Bollo auto: le ultime novità sui pagamenti in scadenza

La redazione

 

 


CONTACT