Cartelle esattoriali: liberarsene pagando un’aliquota proporzionale al reddito

Uscito dalla porta, il saldo e stralcio potrebbe rientrare dalla finestra

Il Governo sarebbe infatti intenzionato a procedere tramite emendamento. Ecco in dettaglio cosa prevede la misura.

Pagare una quota del debito e tornare a vivere

Saldo-stralcio-cartelleIl saldo e stralcio è destinato ai contribuenti con Indicatore Isee inferiore a 20mila euro che hanno un debito compreso tra 30mila e 90mila euro nei confronti di Agenzia delle Entrate Riscossione.

L’importo da versare varierà in base al reddito dichiarato; le aliquote previste sono tre: 10% (Isee fino a 15mila euro), 16% (Isee compreso tra 15mila e 22mila) e 30% (Isee superiore a 22mila euro).

Il pagamento potrà avvenire in un’unica soluzione, o essere “spalmato” su dieci rate mensili da versare entro il 2019.

loading...

Terza rottamazione cartelle esattoriali

La definizione agevolata consentirà ai contribuenti di estinguere i debiti con Agenzia delle Entrate Riscossione pagando il capitale, gli interessi, le spese di notifica e l’aggio. Saranno invece stornate sanzioni e interessi di mora.

Saranno oggetto di rottamazione i carichi dati in gestione ad AER tra il 2000 e il 2017, compresi gli accertamenti esecutivi. I beneficiari saranno i contribuenti che non hanno aderito alle precedenti rottamazioni, quelli che sono decaduti dalla prima tornata, e quanti avevano sottoscritto la seconda pagando le rate scadute entro il 7 dicembre.

La definizione agevolata coprirà un periodo massimo di 5 anni equivalenti a 18 rate.

Leggi anche

Tutto quello che c’è da sapere sul blocco auto in comproprietà

La redazione

 

 


 

 

CONTACT