Come si tutela creditore, se il bene da pignorare è in comproprietà?

Qual è il destino di una casa cointestata in caso di debiti?

Pignoramento-casa-cointestataIl Fisco può procedere al pignoramento, ma solo se è stata già notificata l’ipoteca con almeno un mese di preavviso, e se il debito è superiore a 120mila euro.  La prima casa, però, non può essere oggetto di esproprio, se costituisce abitazione civile e residenza del debitore.

Che succede, invece, se il creditore è un privato? Il pignoramento può essere attuato limitatamente alla quota di proprietà del debitore. Il Tribunale dispone la vendita e consegna al cointestatario la sua quota, tuttavia questo può anche opporsi alla liquidazione dell’immobile.

loading...

È possibile scongiurare il pignoramento?

Tecnicamente sì, tramite vendita, donazione o trasferimento a un fondo patrimoniale, a condizione che esso non sia dedicato al soddisfacimento dei bisogni della famiglia.

Tuttavia il Tribunale può cancellare l’atto di donazione tramite revocatoria, se c’è il sospetto fondato che la procedura sia stata effettuata per sfuggire alle proprie responsabilità nei confronti del creditore. La prova di questo è, ad esempio, la conseguente insufficienza dei beni del debitore ai fini della copertura della pendenza.

Se invece il debitore opta per la vendita della casa il margine di intervento del creditore è assai più ridotto, in quanto è necessario tutelare anche l’acquirente. Se però si evince che quest’ultimo si era precedentemente accordato con il venditore la situazione cambia.

Leggi anche

La banca ti bolla come cattivo pagatore? Difenditi così

La redazione




 


CONTACT