Estinzione anticipata del finanziamento: puoi risparmiare davvero?

Il rimborso di un prestito, spesso, ricorda certe storie d’amore che sembrano uscite da un film

Rimborso-prestito-LexitorIn entrambi i casi, il tormento e l’adrenalina sono direttamente proporzionali alla durata. Anni ed anni trascorsi ad arrovellarsi, ingegnarsi in mille modi per far quadrare i conti del bilancio familiare, per poi tirare un sospiro di sollievo lungo un battito di ciglia. Chè la scadenza della prossima rata è già dietro l’angolo…

Che succede però, se, per un insperato colpo di fortuna, ricevi un sostanzioso bonifico sul tuo Iban (bonus dal datore di lavoro, eredità, rimborso da detrazioni…)? Probabilmente, la prima domanda che ti porrai, sarà: “posso estinguere in anticipo il finanziamento, e liberarmi da un peso?”. La risposta è sì.

Leggi anche

Sovraindebitamento: storica decisione del Tribunale di Napoli

Rimborso anticipato del prestito (anche cessione del quinto): come funziona e quando conviene farlo

Tanto per cominciare, è consigliabile accertarsi di qual è l’importo ESATTO che bisognerà restituire all’istituto di credito/finanziaria, onde evitare una doccia fredda, o che il proprio buon proposito venga drammaticamente stroncato.

L’estinzione anticipata del prestito comporta il rimborso del capitale e degli interessi che devono essere versati entro la naturale data di scadenza del contratto. Questo importo dovrebbe essere aggiornato periodicamente all’interno del prospetto dello stato del finanziamento contenuto nel contratto.

Conviene usufruire di questa opportunità nella fase iniziale di rimborso del prestito, in quanto la mole di interessi da pagare è ancora cospicua. Specularmente, quando la restituzione è in fase avanzata il risparmio, a conti fatti, rischia di essere minimo o, addirittura, non esserci.

Quali spese vengono rimborsate?

La sentenza Lexitor (settembre 2019) ha segnato un punto di svolta (a favore del cittadino), in quanto la Corte di Giustizia Europea ha dichiarato che la banca o la finanziaria erogante devono restituire NON SOLO i costi correlati alla durata del finanziamento, MA ANCHE quelli indipendenti da tale parametro (spese di gestione pratica, mediazione, istruttoria). Niente da fare, invece, per le imposte.

Generalmente l’importo restituito è compreso tra 1.000 e 2.500 euro.

La redazione

 

 

 


CONTACT