Fermo amministrativo: fino a quando puoi impugnarlo?

Hai un debito, e non sai quando potrai pagarlo

Fermo_amministrativo_contestazioneInevitabile, quindi, pensare al rischio che, prima o poi, bussi alla tua porta l’ufficiale giudiziario alla ricerca di beni da pignorare.

A preoccuparti è soprattutto l’eventualità che ti venga tolta la macchina, con tutto quello che di negativo ne conseguirebbe per la tua vita privata e professionale. Per non farti trovare impreparato, quindi, vuoi sapere quanto tempo c’è, per impugnare le famigerate ganasce fiscali.

La prima cosa da dire è che la contestazione del fermo amministrativo NON è “a tempo”. In parole povere, NON esiste un termine ultimo superato il quale non può più avvenire.

Sulla carta questa è una buona notizia, ma ciò non significa che sia libera da elementi di criticità. Anzi, la nota dolente è collegata proprio al vantaggio dell’assenza di scadenza: tecnicamente il blocco del veicolo può avvenire in qualunque momento, a discrezione dell’agente di riscossione.

Ti potrebbe interessare

Che fine ha fatto il Decreto Ristori 5?

In pratica, il fermo amministrativo viene annotato nel Pubblico Registro Automobilistico senza che il proprietario del veicolo sia CONTESTUALMENTE informato. L’unica notifica che il debitore riceve è il preavviso di fermo. Vale a dire che, almeno 30 giorni prima che scattino le ganasce fiscali, gli viene comunicato il provvedimento a cui sta andando incontro.

La Corte di Cassazione si è spesso pronunciata in contrasto al principio della mancata scadenza del fermo amministrativo ai fini della sua contestazione. Quel che è certo, è che per impugnarlo bisogna appellarsi a vizi di forma o contenuto (il credito originario è scaduto, la comunicazione di preavviso mancava di importanti informazioni…), e dimostrarne la sussistenza spetta al contribuente indebitato.

La redazione 

Richiesta Equitalia https://form.jotformeu.com

 


 
 


 

CONTACT