Illeciti bancari, a fare la differenza è la perizia econometrica

Sconfiggere l'usra con la perizia econometrica

PERIZIA_ECONOMETRICA

 
Sconfiggere l’usura non è, purtroppo, solo una questione di giustizia. Se il cittadino finisce nelle mani sbagliate, pur avendo ragione, perde. E magari essere addirittura costretto a risarcire l’istituto di credito. 
 
Leggi anche
 
La perizia econometrica, in tal senso, gioca un ruolo fondamentale.
 
«Sono in possesso di una serie di comunicazioni provenienti dalla banca, in cui questa ammette gravi errori sul conto aziendale. Purtroppo però la perizia econometrica e la tutela giudiziale che ho profumatamente pagato mi hanno fatto perdere il procedimento di primo grado. La documentazione prodotta dal perito di parte era infatti lacunosa. Morale della favola, ora sono in guai peggiori di prima».Questo ha scritto qualche giorno fa una nostra lettrice. 
 
La sua vicenda testimonia che le perizie econometriche sono ormai diventate un (redditizio) business per certe organizzazioni. L’unica cosa in cui sono specializzate, però, è speculare sui problemi altrui.  Ecco tutto quello che c’è da sapere per non diventarne vittima.
 

Cos’è la perizia econometrica e a cosa serve?

Perizia_EconometricaSi tratta dello strumento utilizzato per ricalcolare gli interessi passivi, gli attivi e le irregolarità
 
L’unica perizia valida in Tribunale in quanto giurata (asseverata) è quella emessa dal Tecnico nominato dal Giudice (CTU). 
 
Tuttavia, entrambe le parti possono produrre un’ulteriore perizia, affidandola a un tecnico di parte (CTP). 
 
Qual è la differenza sostanziale? Se il CTU sbaglia, è perseguibile penalmente, il CTP no. Questo però non autorizza ad improvvisarsi, data la delicatezza della questione.
 
Leggi anche
 

Quali sono i costi e come deve essere strutturata?

La perizia asseverata si paga, ma l’importo varia di caso in caso. In genere è compreso tra 500 e 1000 euro. La perizia di parte, invece, non prevede costi. 
 
L’efficacia del documento dipende però dal suo contenuto, che deve riportare
 
  • i riferimenti alla normativa esistente
  • il metodo di calcolo utilizzato
  • il risultato raggiunto.
Come scegliere a chi rivolgersi?
Competenza e serietà sono i requisiti fondamentali che devono garantire le organizzazioni a difesa del consumatore. 
 
Quest’ultimo deve quindi essere molto prudente e selettivo quando sceglie a chi affidarsi. Perché, come sottolinea Rossella Fidanza, «la perizia è l’unica vera arma di cui si dispone, preparata da peracottari diventa un’arma a salve».
 
Leggi anche

 

La redazione



 

CONTACT