La Cassazione si esprime sulla prescrizione e l’impugnazione del bollo auto

Dopo quanto tempo la Regione non può più pretendere il pagamento dello – spesso odiato – tributo?

Prescrizione-bollo-auto-CassazioneLa Corte di Cassazione si è pronunciata in merito nei giorni scorsi, ricordando che la prescrizione è triennale. Contestualmente gli Ermellini hanno specificato qual è l’iter che deve seguire il contribuente per fare ricorso.

Dopo quanto “scade” il bollo?

Il credito vantato dalla Regione viene meno dopo tre anni, che decorrono a partire dal 1 gennaio dell’anno seguente a quello a cui è riferito il tributo. Esempio: dovevi pagare il bollo entro il 15 giugno 2019? La prescrizione interviene il 1 gennaio 2023.

…e se la Regione bussa comunque alla tua porta?

È fondamentale NON pagare immediatamente: controlla la data di spedizione della comunicazione. Se sono già decorsi tre anni da quando il tributo era effettivamente dovuto, puoi procedere all’impugnazione, preferibilmente inoltrando prima contestazione cartacea o telematica.

Se la Regione non risponde o, al contrario, ribadisce di essere creditrice, il contribuente può rivolgersi alla Commissione Tributaria Provinciale per vedere riconosciute le sue ragioni.

Se invece la cartella esattoriale non viene contestata, l’importo è iscritto a ruolo e Agenzia delle Entrate Riscossione sarà incaricata di incassare.

Leggi anche

Ok delle commissioni tributarie: cancellazione automatica bollo auto entro mille euro

La redazione

 



 
 


CONTACT