Pensioni: cosa aspettarsi per il 2022?

La parola d’ordine, per il nuovo anno sarà una: rivalutazione

È infatti previsto un adeguamento degli assegni pensionistici, sia quelli minimi che quelli relativi all’invalidità. La misura è stata inserita nella Legge di Bilancio 2022, ed è finalizzata a contrastare gli effetti dell’inflazione.

Il meccanismo di rivalutazione procederà per ordine di priorità. Si partirà, quindi, dagli assegni dal minore importo. Dunque, il ricalcolo riguarderà in primis le pensioni minime, e successivamente quelle di vecchiaia, quelle anticipate, e quelle di invalidità.

Ti potrebbe interessare

Cartelle esattoriali: allungati i termini per il pagamento

I nuovi importi saranno determinati tenendo conto dello scaglione reddituale in cui rientra il pensionato, e della sua età. Così, secondo alcune stime, per gli over 60 (da 64 a 69 anni) l’assegno potrebbe avere un incremento di circa 80 euro. Per gli over 70, invece, l’aumento sfiorerà 150 euro.

Finora la rivalutazione delle pensioni si è articolata in sei gruppi: integrale (assegni entro 4 volte il minimo vitale), 77% (se importo è compreso tra 4 e 5 volte il minimo), 52% (tra 5 e 6 volte), 47%, 45% e 40%.

Il prossimo anni, invece, le fasce si dimezzeranno, e saranno così determinate: 100% (assegni entro il triplo del minimo), 90% (importi tra 3 e 5 volte il minimo), 75% (pensioni che superano 5 volte il minimo).

Leggi anche

Stipendio: quando può essere pignorato più (o meno) del 20%

La redazione
 

 



 


CONTACT