Ridotta del 25% la sanzione per bollo non pagato

Il Decreto Fiscale ti ha fatto un regalo di Natale

Bollo-non-pagatoIl provvedimento, entrato in vigore lo scorso 25 dicembre, ha abbassato le sanzioni da pagare in caso di ritardo, ampliando la portata del ravvedimento operoso. Finora l’importo veniva ricaricato del 30% per ritardi superiori ad un anno.

Il Decreto Fiscale ha stabilito che gli automobilisti che versano il tributo entro i 15 giorni successivi alla scadenza, sono soggetti ad una  sanzione dello 0,1%. Dal 16esimo al 30esimo giorno dell’1,5%, dell’1,67% dal 31esimo al 90esimo giorno. Per ritardi compresi tra uno e due anni la sanzione ammonta al 4,286 (1/7 di quella precedentemente fissata).

Ti potrebbe interessare

Tutto quello che c’è da sapere sul pignoramento dell’auto

Se il ritardo nel pagamento è superiore a 24 mesi la sanzione arriva al 5%.

Attenzione però, il principio di ravvedimento operoso può essere applicato solo quanto il ritardato pagamento NON sia stato già accertato e/o non abbia già determinato l’avvio di procedure amministrative di verifica.

Leggi anche

CONTACT