Usura bancaria: nel mirino importante banca italiana

Fare impresa significa spesso confrontarsi con doppie incognite

Usura_bancariaNon solo, infatti, i mercati sono sempre più “liquidi” e instabili, ma anche i rapporti con le fonti di finanziamento (leggi, gli istituti di credito) sono caratterizzati da insidie “a orologeria”. Anomalie correlate ai tassi d’interesse che si manifestano nel medio e lungo periodo, compromettendo gravemente l’esercizio dell’attività produttiva. Scenari inquietanti da cui non sono immuni neanche le banche più grandi e prestigiose.

A Latina, nei giorni scorsi, il Pm Claudio De Lazzaro ha chiesto il rinvio a giudizio del presidente del CdA di Banca Sella, del responsabile area crediti, e dell’amministratore delegato. All’origine delle vicenda, la denuncia effettuata nel 2015 da un imprenditore di Nettuno. L’uomo alla fine del 2009 aveva ricevuto un finanziamento di circa 900mila euro, e riteneva che il tasso di interesse applicato fosse patologicamente alto. Alla segnalazione erano seguite le indagini della Guardia di Finanza e una consulenza tecnica.

La decisione del Pm è stata motivata dal fatto che i vertici dell’istituto non sarebbero intervenuti per evitare l’insorgere di tassi di interesse indebiti. A ciò si aggiunge che l’imputazione di usura bancaria avrebbe avuto come vittima un imprenditore.

Leggi anche

Ganasce fiscali: quali sono i doveri dell’automobilista?
 

La redazione

 



 

CONTACT