Vuoi rottamare il tuo debito? Devi pagare la rata entro 7 giorni

Devi pagare la rata entro 7 giorni per rottamare il debito 

Rottamazione_Cartelle_Esattoriali

 

Luglio si avvia alla conclusione, e molti italiani hanno cominciato il conto alla rovescia per le ferie. 

Tuttavia, prima di partire alcuni di loro dovranno regolare i conti con il Fisco: si tratta di quelli che nei mesi scorsi hanno visto accogliere la richiesta di definizione agevolata delle cartelle esattoriali a proprio carico.

La rottamazione, che consente ai contribuenti di pagare il debito al netto di sanzioni e interessi di mora, prevede il saldo entro il 31 luglio prossimo della prima o unica rata accordata

Tenere a mente questa scadenza è fondamentale, in quanto il mancato o tardivo adempimento comporta il decadimento dalla procedura di definizione agevolata, e la riattivazione dell’iter di riscossione”. Così AER, che dal 1 luglio ha preso il posto di Equitalia.

Leggi anche

Cosa è cambiato davvero per il pignoramento del conto corrente dal 1 luglio

Sono molteplici le modalità di pagamento a disposizione dei cittadini: ad esempio, chi ha dimestichezza con Internet può accedere al sito di Agenzia delle Entrate – Riscossione o utilizzare l’app Equiclick

In entrambi i casi i dati da indicare sono il proprio codice fiscale, e codice e importo del bollettino RAV ricevuto. In alternativa, si può svolgere l’operazione dal portale della propria banca. 

Definizione_agevolata

Chi preferisce saldare la cifra di persona può recarsi presso uno degli sportelli fisici di AER e fornire la sequenza identificativa del bollettino RAV

Sono ammessi i pagamenti tramite bancomat, assegni circolari e assegni di conto corrente bancario e postale fino a un massimo di 20mila euro

Se l’importo è invece inferiore a 3mila euro, si può procedere con i contanti. Il versamento può naturalmente essere effettuato anche dalla propria banca.

Leggi anche

Cartelle di pagamento notificate da AER: istruzioni per l’uso

C’è inoltre la possibilità di pagare la rata in posta, addebitandone l’ammontare sul conto, se si è clienti BancoPosta. Ancora una volta, il limite per l’utilizzo dei contanti è invece 3mila euro; in tabaccheria il tetto è di mille euro

Chi preferisce procedere tramite bancomat o carta di credito deve far riferimento alla soglia di 5mila euro, che si abbassa a 1500 nel caso di punti Sisal e Lottomatica

La redazione 



 

CONTACT