Come liberarsi (legalmente) delle cartelle se sei in difficoltà

Settembre è tempo di ripartenze. Lavoro, scuola, palestra…

Rottamazione-cartelle…ma soprattutto burocrazia e pagamenti. Bollette, bollo auto, ed i debiti con il Fisco, bloccati da marzo 2020, che si ripresentano all’improvviso. Implacabili e spesso imponenti per mole. Le rassicurazioni/rettifiche di Agenzia delle Entrate Riscossione circa le dilatate tempistiche di invio delle notifiche servono a poco, perché il nodo cruciale, per migliaia di famiglie italiane, è uno solo. L’impossibilità MATERIALE di saldare gli importi “congelati”: la pandemia ha lasciato dietro di sé ferite aperte e pulsanti, più che cicatrici.

Ti potrebbe interessare 

Tuttavia, ci sono due opzioni complementari che permettono ai contribuenti di affrontare la propria situazione debitoria ai fini di una risoluzione definitiva. Si tratta della rateizzazione e del ricorso al principio di tolleranza.

La rateizzazione in breve

È uno strumento, questo, di cui possono usufruire i contribuenti che hanno ricevuto cartelle esattoriali di importo uguale o inferiore a 100mila euro. La richiesta deve essere inviata ad AER entro il 31 dicembre 2021 e, qualora venga accolta, permette di dilazionare il pagamento attraverso un massimo di 72 rate (equivalenti a sei anni).

Il principio di tolleranza

Questo criterio prevede la possibilità di “saltare” fino a 10 rate (anche consecutive), in presenza di particolari condizioni previste dal Fisco. Se però le scadenze di pagamento sono 11 o più, il contribuente perde i diritti connessi al pagamento rateizzato.

Leggi anche

 

 


CONTACT